LE RUGHE? SI COMBATTONO A TAVOLA!

Botulino e acido ialuronico? No, grazie! L’invecchiamento si combatte a colpi di forchetta anziché di bisturi e punturine! Grazie a semplici regole di vita e agli antiossidanti, le sostanze contenute in frutta e verdura che difendono l’organismo dagli attacchi del tempo, puoi dimostrare qualche anno in meno, sia a livello dell'epidermide che a livello cellulare.

 

Le regole per farne il pieno sono molto semplici, e la tradizione mediterranea fa la parte del leone.


1) aumenta le porzioni di legumi e di cereali integrali

2) consuma verdura di stagione a volontà

3) goditi la frutta di stagione

4) cura i tuoi hobbies e i tuoi affetti

5) fai movimento

6) concediti il giusto riposo

 

Ma cosa sono esattamente gli antiossidanti? Sono sostanze che funzionano da “spazzini” dei radicali liberi, molecole molto reattive capaci di danneggiare le strutture biologiche come pareti cellulari, enzimi, DNA.


Alcuni antiossidanti sono prodotti direttamente dal nostro organismo, mentre altri come le vitamine C, E, i carotenoidi, il selenio e lo zinco devono essere costantemente introdotti con l’alimentazione.


Ma come possiamo sapere se introduciamo la giusta quantità di antiossidanti?


Esistono alcune metodologie per misurare la capacità antiossidante di una sostanza, tra le più famose c'è il test ORAC (Oxygen Radical Absorbance Capacity). Il potere antiossidante di una sostanza è definito con unità di misura detta ORAC.


Numerose ricerche hanno individuato che per ottenere effetti positivi sulla salute occorre introdurre circa 2000 ORAC, valore che aumenta fino al 25% il potere antiossidante del sangue umano.


Ma quali sono le sostanze antiossidanti che dovrei assumere quotidianamente?

 

Come ti dicevo, affidarsi alla tradizione mediterranea è un’ottima scelta.

 

A partire dal pomodoro, grazie al suo contenuto di licopene. Un pomodoro medio fresco ha infatti circa 120 unità ORAC.

 

Che dire poi dell’olio extravergine d’oliva? È ricco di vitamina E, la vitamina antiossidante per eccellenza.

 

Ovviamente non può mancare la pasta, meglio se integrale: il frumento e i suoi derivati rappresentano infatti la fonte principale di selenio, che è contenuto tuttavia anche in altri cereali e nella soia, ben nota ai vegani.

 

Via libera poi al betacarotene, precursore della vitamina A, contenuto in albicocche, carote e peperoni, e alla vitamina C, largamente presente negli ortaggi e nella frutta. Tanto per fare alcuni esempi, una tazza di mirtilli ha circa 3500 unità ORAC, ma puoi trovare vitamina C anche in agrumi, fragole, ribes nero, broccoli, crescione, spinaci, cavoli, kiwi e pomodori.

 

Ricchissima di antiossidanti è anche la famiglia delle brassicacee: una porzione di broccoletti o di cavolini ha circa 1500 unità ORAC. A questo si aggiungono anche importantissimi aminoacidi come arginina e ornitina che hanno dimostrato spiccate capacità antiossidanti nei confronti dei radicali perossilico ed ossidrile.

 

Se non disdegni i sapori orientali, ricorda di insaporire i tuoi piatti con il cumino, una spezia molto usata nella cucina indiana, con proprietà digestive, carminative (cioè elimina i gonfiori intestali), disinfettanti, antifermentative e soprattutto dotata del maggiore potere antiossidante nei confronti del radicale ossidrile OH-, il più potente radicale libero della chimica organica.

 

Ultima raccomandazione: per conservare le proprietà delle vitamine evita cotture prolungate e consuma preferibilmente frutta e verdura fresche.

 

Per approfondire questo argomento scarica l’ebook gratuito “LA SPESA SMART!” alla pagina http://www.puravida-lifestyle.com/risorse-online/

Scrivi commento

Commenti: 0